La visione di Borso d’Este in Luce

La visione di Borso d’Este in Luce Il linguaggio dell’illuminazione in una nuova prospettiva di contemplazione dei dipinti murali del Salone dei Mesi a Palazzo Schifanoia È parte della natura umana il desiderio di discernere e cogliere il senso delle cose attraverso un impulso volto alla rivelazione, alla scoperta dei segreti che si celano nella sublime ricchezza della composizione artistica. Lo stesso Aby Warburg non si risparmia nell’indicare un metodo di ricerca nel quale «cercando di illuminare con cura ogni singola oscurità, illumina i grandi momenti dello sviluppo generale nella loro connessione»[1]. Probabilmente il desiderio del “portare alla luce” il